ASTROLOGIA TRANSPERSONALE
di Errol Weiner (Ed. Mediterranee)

Presentazione critica da parte della traduttrice Claudia Demurtas
Conferenza CIDA, aprile 2000

 

 

 

1. INTRODUZIONE

2. I PIANETI

3. I SETTE RAGGI

4. L'ASCENDENTE

5. I SEGNI

 

 

 

1. INTRODUZIONE

 

Gli spunti che il libro offre sono molteplici. Quello su cui vorrei soffermarmi, nel parlare di questa opera, è la peculiarità tra l’Astrologia Tradizionale, vale a dire centrata sulla personalità, e l’astrologia transpersonale, basata invece sull’Anima, sullo Spirito. Il libro nel suo sottotitolo recita “Alla ricerca delle finalità dell’Anima”, ma a dispetto del titolo, che potrebbe far pensare che ci troviamo di fronte a qualcosa di astratto, ciò che colpisce è la praticità, la semplicità e la chiarezza con cui questo argomento così importante viene divulgato, senza nulla togliere alla sua sacralità, rendendola accessibile a tutti. Credo che ognuno per conto proprio potrà riflettere sulla vastità e la portata delle conoscenze contenute.

 

L’Astrologia transpersonale, come dice il termine, si occupa di ciò che va oltre la personalità. E’ quella branca dell’astrologia che ci pone in relazione con la nostra Anima, pertanto con la nostra evoluzione, con la nostra spiritualità. Io ho scoperto in me, ma anche in molte persone con le quali mi confronto quotidianamente, che questo termine occupa ormai un posto fisso nella mente.
Che cosa effettivamente offre questa dimensione che ancora deve essere conosciuta e approfondita da un punto di vista astrologico e psicologico? Ebbene, noi qui entriamo in contatto con il VERO scopo che la nostra Anima persegue in questa incarnazione, sia che ne siamo coscienti oppure no. Indica il sentiero, quel sentiero unico per ciascuno di noi, come unico è il nostro Oroscopo, che ci fa progredire da un punto di vista spirituale, attraverso una sempre maggiore presa di coscienza.

 

Tutti conosciamo il nome di Alice Bailey e sappiamo quale opera monumentale abbia scritto, vale a dire il Trattato dei Sette Raggi (tra l’altro, sembra proprio attraverso la scrittura automatica tramite una guida; il Tibetano è un Maestro che ha specificamente il compito di trasmettere le rivelazioni per la Nuova Era), ma queste conoscenze, di natura esoterica, per la maggior parte delle persone sono risultate fino ad ora impenetrabili, di difficile comprensione.
Tutti avvertiamo forti impulsi a voler capire, conoscere, ricercare in prima persona le verità… quelle con la “V” maiuscola. E’ un momento in cui si sente tanto vuoto, e nell’Età dell’Acquario che inizia vi è una richiesta prorompente di procedere al perfezionamento di un processo di individuazione personale, di comprensione della propria natura più intima e dello scopo della vita. Perché siamo qui? Che cosa dobbiamo fare? Qual è il programma, ovvero il programma del nostro Sé superiore, della nostra Anima? E come si inserisce tutto ciò nella collettività?
Sappiamo che l’Acquario predilige il gruppo e non il singolo, e questo è bene ricordarlo sempre d’ora in poi. Il fine ultimo che deve conseguire l’umanità è di portare lo spirito nella materia, dopo di che, facendo ‘ritorno alla casa del Padre’, riportare la materia nello spirito. Compito arduo! A parole può sembrare facile. In pratica dobbiamo integrare il Sé superiore (Anima) con il sé inferiore (personalità): questa è una regola essenziale.
Ciò si palesa, esotericamente ed astrologicamente parlando, nel momento in cui ha luogo l’inversione della “ruota del destino”, vale a dire dalla Croce Mobile della materia (dove si trova la maggior parte dell’umanità), per salire sulla Croce Fissa e ri-orientarsi. Non a caso l’eclissi del 1999 è avvenuta proprio sulla Croce Fissa Toro-Acquario-Scorpione-Leone, perciò è stata così significativa per l’umanità, anche se consciamente, a parte la grande paura, non ne è stata compresa la vera portata.

 

Quindi, dall’aspetto personalità dobbiamo passare all’aspetto Anima.
L’essere umano deve superare cinque iniziazioni. Si evolve da un piano della spirale a quello successivo più alto. E’ solo dopo la terza iniziazione che si diventa iniziati nel vero senso della parola, in quanto l’individuo si è liberato dal karma e dalla ruota della morte-rinascita. Secondo la saggezza antica o perenne, Gesù era un iniziato di terzo grado e si sottopose alla quarta iniziazione con la crocifissione; in una incarnazione successiva alla quinta iniziazione.
Con l’approssimarsi della Nuova Era i due terzi dell’umanità si sottoporranno alla prima e/o seconda iniziazione.

 

La 1a iniziazione è governata da Vulcano e Plutone, pianeti del 1° Raggio, e richiede il taglio con i legami di sangue, con gli amici intesi come forme del passato che continuano a condizionare. Questa iniziazione coinvolge anche la purificazione del proprio corpo fisico (con esercizi fisici, alimentazione adeguata, un modo di vivere salutare). Il segno della Vergine governa la prima iniziazione.

La 2a iniziazione è governata dai pianeti Venere, Giove e Nettuno (pianeti del 2° Raggio). Qui è importante entrare in contatto con il proprio maestro interiore. E’ la più difficile delle prime tre iniziazioni perché richiede la trasformazione del sesso (chakra sacrale) e delle emozioni (chakra del plesso solare) in azioni creative (chakra della gola) e amore (centro del cuore). Lo Scorpione governa questa iniziazione.

La 3a iniziazione è governata da Marte, dalla Luna e da Saturno, il Signore del Karma, Il Guardiano della Soglia; sebbene Saturno abbia la reggenza sulle tre prime iniziazioni. Marte dà la forza, il coraggio e la ferma “volontà” di portare lo spirito nella materia per raggiungere la meta. Ecco perché Marte è esaltato in Capricorno, segno dell’iniziazione. Il segno opposto, il Cancro, con la Luna, incorpora invece le regressioni del passato. Pertanto qui Luna e Marte entrano direttamente in conflitto. Il simbolo della 3a iniziazione è il capro del Capricorno, che una volta raggiunta questa vetta è trasfigurato in unicorno, simbolo dell’anima. L’unione è raggiunta e quindi non sono più necessarie ulteriori incarnazioni fisiche, e se ciò avviene è per servire l’Era dell’Acquario ma non vi è più karma da elaborare. Molti iniziati di terzo grado non ne sono coscienti, e ciò per consentire loro di servire meglio il Piano Divino: ad esempio Anwar Sadat, Vaclav Havel, Nelson Mandela che rispettivamente hanno subito il martirio e la prigionia, raggiungendo la libertà a caro prezzo. La parola chiave del termine iniziazione è il servizio, in quanto ciò comporta autodisinteresse e un approccio alla vita intelligente, attivo, creativo.

La 4a iniziazione è governata dai Pesci, il segno della morte e rinascita. Corrisponde alla Crocifissione Cristiana e alla Grande Rinuncia Buddista. Qui la personalità si arrende all’anima.
Con la 5a iniziazione vi è l’iniziazione a Maestro.
Si continua poi con la 6a e la 7a e si diventa Signori (Cristo e Buddha lo sono). La 7a ed ultima iniziazione planetaria diventa la 1a cosmica. Anche un pianeta deve sottoporsi alle iniziazioni e diventa sacro dopo che il suo Logos ha conseguito la 5a iniziazione cosmica.
Sanat Kumara, il Signore della Terra, ha raggiunto la 3a iniziazione cosmica perciò la Terra non è ancora diventata un pianeta sacro.
Si continua così con le successive iniziazioni cosmiche.

 

L’iniziazione, come dicevo, non riguarda solo gli individui, ma deve essere allargata al gruppo, alla comunità, alle nazioni e all’umanità intera. Vi ricordo che i transiti di fine ’80 inizio ‘90 in Capricorno hanno portato i ben noti eventi, vale a dire la caduta del muro di Berlino e la rivoluzione pacifica del paesi dell’Est (escludendo la Romania). Questo è stato un momento importantissimo dal punto di vista dell’iniziazione planetaria.
Iniziati ed illuminati hanno “guidato” quegli eventi che hanno completamente stravolto la vecchia Europa e gli assetti mondiali (Nettuno e Urano: dissolvimento, rivoluzione –  Saturno: crollo di strutture ormai logore). Tra queste persone un ruolo non secondario lo hanno avuto Gorbechev e Havel.

 

In astrologia esoterica è importante ricordare che tutto ciò che è stato creato sottostà ad una legge triuna, definiamola pure la scienza dei triangoli. Questo è un insegnamento cardine. Anche la nostra religione Cristiana indica i tre aspetti di ogni cosa. Questo principio si ripete continuamente.


Potete ad esempio vedere, nell’immagine, un triangolo importante, come primo approccio.
La Monade è la scintilla della vita, la forza vitale al centro di ogni cosa. Origina nel cosmo ed il suo compito consiste nel servire il cosmo intero, di cui il nostro sistema solare è parte infinitesimale. E’ la Monade, il grande Sé cosmico, che consente alla forma di evolvere.

triangolo.jpg (24587 byte)

 

In sintesi l’Astrologia della Nuova Era chiede di integrare l’Astrologia tradizionale con quella transpersonale, vale a dire con quelle conoscenze profonde che spiegano le motivazioni più autentiche sul mistero dell’ uomo.
 

TOP


2. I PIANETI

 

Prima di dare un significato sintetico dei Raggi o dei Sentieri, vorrei parlarvi dei pianeti visti nel loro aspetto esoterico transpersonale.
Iniziamo a dire che vi sono pianeti sacri e pianeti non sacri. I pianeti sacri sono sette: Mercurio, Venere, Giove, Saturno, Nettuno, Urano e Vulcano. I pianeti non sacri sono quattro: Luna, Terra, Marte, Plutone. I pianeti non sacri incidono sulla vita della personalità, mentre i pianeti sacri incidono sull’anima; se ne deduce che i pianeti sacri sono abitati da esseri perfetti. I pianeti non sacri si collegano al passato, all’istinto, alle emozioni, alle paure, e devono trasformarsi, evolversi. I pianeti sacri si riferiscono al presente e al futuro, al Sé superiore.
Il Sole è il mediatore tra questi pianeti sacri e non sacri, perché nell’oroscopo rappresenta la personalità nella sua dimensione integrata, e non dimentichiamo che la personalità è il primo aspetto dell’anima.

 

VULCANOPIANETA DELL’ILLUMINAZIONE

In realtà non è stato ancora scoperto perché la sua orbita si trova tra il Sole e Mercurio, vicinissima a quest’ultimo, e la luce del Sole ne impedisce la focalizzazione. Noi, se vogliamo dire… addetti ai lavori, sappiamo che è soltanto quando il genere umano è pronto, vale a dire solo quando la Coscienza umana è pronta ad accogliere nuove rivelazioni, nuove scoperte, a incorporare e integrare nuove realtà, che queste “semplicemente” accadono. Lo abbiamo visto duecento anni fa con la scoperta del primo pianeta transpersonale, Urano, e poi con Nettuno e Plutone e lo sperimentiamo ogni giorno su di noi.
Il fuoco Kundalini è la generazione e la manifestazione grossolana dell’energia cosmica o spirituale creata dalla fusione dello spirito con la materia. Vulcano è il pianeta associato a questa energia e, trovandosi tra Sole e Mercurio, è il primo pianeta che riceve e distribuisce le energie della fusione atomica generate nel nucleo del Sole. Se Plutone è associato alla potenza terrestre o nucleo della Terra, Vulcano è associato alla potenza dello spazio o nucleo del Sole.
Mitologicamente Vulcano è il forgiatore dei metalli. Il metallo è il simbolo della forma fisica e si lavora con il fuoco per creare un corpo adatto ad ospitare lo spirito della vita.
Vulcano verrà scoperto quando l’umanità sarà sufficientemente evoluta da poter trasformare il buio in luce, l’ignoranza in saggezza, la paura in amore. Cioè, quando l’energia distruttiva di Plutone verrà trasformata nell’energia costruttiva di Vulcano. Questa sarà la vera risorsa di energia pulita, sicura e infinita.
Il Logos della Terra può essere associato a Vulcano.
Nella cosmologia Indù questi due principi sono associati a Shiva e Shakti.

 

TERRA

Il Logos della Terra insieme alle Gerarchie Spirituali è responsabile dell’evoluzione del nostro pianeta. La Terra è il pianeta che ci ospita, il pianeta su cui viviamo. Tendiamo a non tenerne conto perché studiamo l’astrologia da un punto di vista geocentrico. Nel nostro oroscopo la Terra è esattamente il punto opposto al Sole, così se noi abbiamo il Sole a 5° Cancro, la Terra di trova a 5° Capricorno: questo è il punto in cui noi dobbiamo materializzare le nostre potenzialità solari. Il Sole rappresenta la luce della nostra natura eroica, ma l’eroe deve purificarsi nel mondo della materia.
Ogni 25 anni ha luogo il Concilio di Shamballa. Shamballa è il chakra Corona del nostro pianeta, dove il “Volere di Dio è conosciuto”, dove risiede l’incarnazione eterica del Logos del nostro sistema planetario Sanat Kumara. Il Logos della Terra insieme alle Gerarchie Spirituali o Governo interiore della Terra preparano il destino, in termini esoterici il Piano, quindi le energie e gli impulsi adeguati all’evoluzione dell’umanità nei 25 anni successivi.
A questo proposito l’ultimo è avvenuto nel 1975 – sotto il segno della Bilancia, il che avrebbe garantito un quarto di secolo esente da conflitti gravissimi. Il prossimo Concilio di Shamballa è avvenuto proprio nel 2000.
Saranno importantissimi i cicli di Luna Piena dell’Ariete (che quest’anno sono due, uno all’inizio e l’altro alla fine di questo segno), del Toro (Wesak o illuminazione di Buddha) e Gemelli (il segno dell’Umanità), perché verranno gettati i semi di questo nuovo ciclo evolutivo per il genere umano.
L’esatto allineamento del Sole, della Luna e della Terra è il momento in cui queste energie sono potentissime e giungono sulla Terra in modo diretto, ed è importante riceverle con consapevolezza. Si stanno sempre più affermando i cosiddetti festival o feste della Luna Piena che prevedono a questo scopo ritualità e meditazione adeguata.

 

LUNA

E’ un pianeta morto. Non vi sono segni eterici sul suo corpo. Non è un pianeta sacro. Il Logos della Luna ha lasciato questo corpo nell’era Lemuriana. Gli abitanti si sono trasferiti sulla terra e i cinesi, i giapponesi, i koreani sono collegati a queste civiltà. Anche fisicamente essi presentano le caratteristiche tipiche; ma non solo, pensiamo alle forti reazioni emotive e all’attaccamento al passato.
Il passato costituisce un retaggio, imbriglia con i suoi sistemi tradizionali di cultura. Ma il passato deve essere trasformato e ciò può avvenire attraverso il 4° Raggio dell’Armonia dopo il Conflitto.

 

VENERE

Venere è molto importante da un punto di vista transpersonale.
Il pianeta è da sempre associato al sentimento e alle emozioni mentre l’energia venusiana, in realtà, è una combinazione di Amore e Conoscenza o amore consapevole, così che la mente ed il cuore possono essere bilanciati e trovarsi in equilibrio. Infatti armonia, bellezza ed equilibrio nascono dall’integrazione della mente con il cuore (da non confondere con le emozioni – vale a dire non con il chakra del plesso solare, sede delle emozioni, ma con il chakra del cuore).
Perché è cosi importante Venere nell’astrologia transpersonale? Perché Venere rappresenta il Sé superiore della Terra, vale a dire la consapevolezza dell’amore, i giusti valori, le giuste relazioni. Venere è l’alter ego della Terra. L’Amore Consapevole o Amore-Saggezza sono energie di 2° Raggio, il Raggio del nostro sistema solare attraverso cui vengono canalizzati tutti gli altri sei raggi.
Venere è la stella del mattino o stella della sera: significa che questo Sé superiore è la sua luce della Terra. Il Sé superiore è il nostro vero Maestro, la nostra vera altra metà, la nostra anima gemella. Vi sono persone che hanno contatti con il loro Sé superiore, come ad esempio Eileen Caddy, la co-fondatrice della Findhorn, che riceve regolarmente una guida dal proprio Sé superiore. Per le persone fortunate che vi riescono, la vita cambia completamente. La meditazione è il mezzo più indicato per riuscirvi in quanto si pone come ponte tra il Sé superiore e sé inferiore, che non dimentichiamo è una delle finalità della Anima.

 

MERCURIO

Questo pianeta, che agisce più direttamente nel 4° Raggio, collega le dualità (Sé superiore e sé inferiore, spirito e materia, quindi Anima e personalità, i tre regni superiori e i tre regni inferiori). Mercurio si rapporta non solo alla mente razionale, al cervello e al sistema nervoso centrale, ma anche alla mente astratta superiore e alla mente intuitiva superiore.
La mente, Mercurio, può viaggiare ovunque, può pensare a vari livelli e può collegare e concatenare questi livelli direttamente alla manifestazione fisico-eterica. Questa è la ragione per cui Mercurio transpersonalmente governa l’Ariete, le idee-seme, e tradizionalmente i Gemelli e la Vergine, perché in Ariete agisce con la mente superiore e nel secondo caso con la mente e il corpo inferiore. La nuova esaltazione di Mercurio è in Acquario, considerato che in questo segno può sviluppare il più alto pensiero intuitivo ed è ciò che la nuova Era richiede.

 

CHIRONE

Il planetoide è stato scoperto nel 1978 e la sua posizione si colloca tra Saturno (Sé personale) e Urano (Sé transpersonale); la sua orbita è di 51 anni (5+1=6 è il numero dell’integrazione anima-personalità).
La scoperta di Chirone ha segnato l’avvio di un collegamento accelerato di questi due sé, sia individualmente che collettivamente. Una delle manifestazioni di Chirone è stata l’importante espansione dei “network” – pensate a Internet, inteso proprio come collegamento tra le persone a livello planetario. Questo fa parte del processo di iniziazione, in quanto porta una nuova ondata spirituale nel mondo materiale. Quindi, corrisponde ad una integrazione accelerata della coscienza superiore e inferiore a livello personale e collettivo.
Chirone è il networker tra i due regni dell’anima e della personalità. Mitologicamente Chirone è il “guaritore ferito”, e questa ferita è la spaccatura tra anima e personalità, e soltanto la sua unificazione porta alla vera guarigione. Uno dei domicili di Chirone è il Sagittario, pertanto Chirone si riferisce alla mente astratta superiore (la mente oltre Saturno) perché soltanto la mente superiore può colmare la distanza tra i due mondi. Nel tema di nascita Chirone indica come (segno) e dove (casa) questo collegamento che conduce alla vera guarigione deve avvenire.

 

URANO

E’ il pianeta del risveglio accelerato, della coscienza, della visione, delle idee innovative, dell’attività e del pensiero libero. Urano governa la Nuova Era. La forza della sua menta aperta ed elettrica risveglia sia l’individuo che il gruppo verso nuovi pensieri, idee, capacità visive, intuizioni, opportunità.
Urano governa il futuro e cerca di rivelarlo attraverso svolte decisive, demolendo pensieri antiquati e cristallizzati. Il suo ciclo è di 84 anni, 7 x 12, che sono i numeri che governano il nostro sistema settenario e simboleggia il disvelamento delle finalità dell’anima. Urano opera attraverso il gruppo, quindi non singolarmente. Questo è un concetto importante da comprendere perché sarà la tendenza del futuro. Il 7° Raggio della Sintesi, il Raggio della Nuova Era dell’Acquario, si canalizza attraverso Urano.
Nel libro si fa uso di parole chiave. L’autore stesso afferma che, pronunciando le parole chiave dei segni, dei raggi eccetera, bisogna affidarsi all’intuito, all’intelligenza del proprio Sé superiore, per comprenderne e incorporarne il significato.

 

Vorrei ora accennare ad una componente importantissima dell’astrologia transpersonale: i CHAKRA.
Ciascuna forma nel micro e macrocosmo possiede un corpo eterico, vale a dire la struttura oggettiva del corpo fisico grossolano. Questo corpo eterico è composto da milioni di canali o nadi – non visibili all’occhio umano – attraverso cui le energie spirituali, mentali ed emotive fluiscono. Questi canali convergono in specifici punti e danno origine ai centri di energia o chakra.
I pianeti sono i chakra del corpo del Logos solare, del nostro sistema solare, del grande essere cosmico. Il nostro sistema settenario contempla sette chakra, così come sette sono i pianeti sacri, e tutti sono collegati ai sette raggi.

 

TOP


3. I SETTE RAGGI

 

Avviciniamoci ora a queste energie e cerchiamo di decifrarne il linguaggio. Iniziamo a familiarizzare un poco con loro. Che cosa sono i Raggi?
I Raggi sono grandi flussi di energia psico-spirituale che provengono dal Cosmo e influenzano ogni aspetto della vita cosmica. La loro fonte di origine è nella costellazione dell’Orsa Maggiore. Le sette stelle di questa costellazione sono i corpi visibili dei sette Grandi Raggi, ovvero degli Arcangeli o Signori cosmici. La vita è energia e i Raggi SONO vite cosmiche che trasmettono la loro energia nei vari sistemi: il nostro, ed in altri sei sistemi solari.

 

Come ho già detto, il Raggio che attiene il nostro sistema solare è il 2°, il suo Signore è Cristo e la qualità che lo esprime è quella dell’amore-saggezza.
I Raggi entrano nel nostro sistema solare attraverso tre segni zodiacali e si dirigono verso il Sole, il chakra del cuore del nostro sistema solare, ed immediatamente si sintetizzano con il 2° Raggio. Il Sole a sua volta ridistribuisce tutte queste energie ai pianeti, uno sacro e uno non sacro.
Torniamo un attimo al Sole. Il Sole è un’entità dinamica vivente non solo da un punto di vista della vitalità fisica, ma anche come centro della coscienza (Anima) e della vita (come Monade). Vale a dire che la vera vita del Sole sta nel suo nucleo centrale. Ed è proprio qui che nasce la fusione nucleare, la fusione degli atomi, e questa fusione è la vera vita, è la Monade che a produce la Coscienza o Anima che esiste quindi nel cuore del Sole. Oggettivamente, la corona del Sole emana luce e calore e questa è la sua Personalità (è il triangolo che vi ho illustrato nell’introduzione).
La vita del Sole, dal suo nucleo, viene così trasmessa al suo cuore e dal cuore nel suo corpo e quindi in tutto il sistema solare, dal pianeta all’atomo.

 

Vorrei offrirvi un’idea dei 7 Raggi o Sentieri, indicando i rispettivi segni e pianeti sacri e non sacri attraverso cui si essi canalizzano. E’ importante tenere presente che se l’energia viene espressa attraverso il sé inferiore è di natura personale, mentre attraverso l’Anima è di natura superiore.
Vorrei aggiungere un’ulteriore osservazione prima di introdurvi i Sette Raggi. Ho avuto il timore, mentre preparavo questa recensione, di dissacrare questo aspetto essenziale dell’astrologia transpersonale… e mi scuso. In realtà ciò che vorrei trasmettervi è che si tratta di energie potentissime che devono assolutamente essere approfondite e integrate man mano nel tempo. Un po’ come per i pianeti.
La letteratura fino ad ora è stata piuttosto avara da un punto di vista divulgativo, Alice Bailey permettendo. Consultanto l’indice di Linguaggio Astrale ho verificato che qualche anno fa solo Liuzzo Calì di Catania ne aveva fatto un accenno. Ho poi scoperto, traducendo la bibliografia del libro, che anche Dane Rudhyar ha scritto un libro sull’astrologia transpersonale, ma questo non è mai giunto in Italia. Il termine esoterico, in questo caso, ha rispettato in pieno la sua prerogativa!

 

1° RAGGIO – SENTIERO DEL POTERE E DELLA VOLONTÀ DELL’ANIMA

Ariete Leone Capricorno – Vulcano e Plutone

 

Il primo Raggio rappresenta la volontà, il potere e le finalità dell’Anima. La sua energia è pionieristica, dà inizio a nuove attività evolutive. E’ immensa la forza di questo Raggio che desidera realizzare lo scopo e le finalità dell’Anima. E’ in grado di distruggere forme cristallizzate e superate sia di natura mentale che fisica. E la forte volontà che ha il potere di generare creatività a scopo benefico, ma anche malefico.
Da un punto di vista umano le persone che appartengono a questo Raggio si presentano come dei capi naturali. Comprendono le reali necessità degli altri e se ne assumono la responsabilità. Sono assolutamente determinati nella loro attività ed esteriormente appaiono concentrati sulle azioni da intraprendere e sul loro potere. In questa tipologia troviamo personaggi come Hitler, Stalin, oppure Ghandi e Gorbachev, quindi si passa da dittatori violenti a persone spiritualmente evolute che cambiano il mondo. Nella vita comune i tipi di 1° Raggio sono dei combattenti, ambiziosi. Sono amati o odiati: in ogni caso tutto è a tinte forti. Anche se non lo danno a vedere, interiormente sono sensibili alle sofferenze altrui. Non sanno però gestire le emozioni, e anzi le considerano un ostacolo sul loro cammino, e sono fonte di insicurezza.

 

2° RAGGIO – SENTIERO DELL’AMORE

Gemelli, Vergine, Pesci - Giove e Sole

 

Abbiamo visto che questo è il Raggio del nostro Sistema Solare. E’ il raggio dell’Anima perché incarna e dà forma allo spirito e incorpora le energie dell’amore-saggezza, in altre parole la coscienza dell’Anima, il Cristo stesso. Qui l’amore è inteso in senso universale e si unisce all’intuito, cioè alla Conoscenza dell’Anima. E’ la dualità che nasce dall’unità iniziale 1° Raggio. Attraverso la coesione attrattiva ricerca l’unione. La dualità di base è la personalità e l’Anima, e i Gemelli e Venere sono i veicoli per la fusione delle coppie di opposti.
Qui è espresso l’Amore incarnato. Le persone appartenenti al 2° Raggio possono essere molto caritatevoli orientate al servizio. Devono imparare a distinguere la differenza tra il vero amore disinteressato e la possessività emotiva, l’attaccamento.
Le persone influenzate da questo Raggio sono molte perché è il Raggio della minore resistenza. Ma se ciò è vero per quanto attiene le qualità positive, altrettanto lo è per quelle negative che generano abbagli, illusioni. Queste persone tendono a ripercorrere strade già conosciute e sono molto ricettive a ciò che proviene dall’esterno. Amano socializzare e tendono a realizzarsi attraverso gli altri.
E’ anche il Raggio di chi insegna, della guida, del guaritore, e degli operatori sociali e umanitari.

 

3° RAGGIO – SENTIERO DELL’AZIONE INTELLIGENTE

Cancro, Bilancia, Capricorno - Saturno e Terra

 

Questo Raggio è relativo all’intelligenza attiva o creativa, ovvero alla “mente di Dio”. La Gerarchia Angelica o costruttrice delle forme risponde direttamente alla mente di Dio o ai Signori dei Sette Raggi nel servire il Piano Divino. E’ la mente superiore. Quindi se con il 1° Raggio si percepisce la meta e con il 2° si sente l’amore e l’intuizione, con il 3° bisogna sapere come manifestare queste qualità mediante un’azione intelligente, strutturata e creativa, e riuscire a fonderle. Tutte le cose che accadono devono necessariamente fare capo ad intelligenze creatrici e queste intelligenze altro non sono che la Gerarchia Angelica, i Deva a cui gli elementali della natura rispondono per sviluppare e animare le forme.
Il lavoro è il canale tramite cui l’umanità manifesta le finalità di Dio, l’amore e il Piano Divino.
Appartengono a questo Raggio i programmatori e gli operatori dell’umanità. Hanno il dono dello spirito nella materia. Sono i “manipolatori” della materia, nel bene e nel male. Possono essere commercianti, industriali, finanzieri, architetti, costruttori, organizzatori, ecc. Spesso nascondono parte del loro carattere, ad esempio mostrano sicurezza e vantano “incarichi importanti”, ma privatamente avvertono inadeguatezza e mancanza di controllo (opposizioni tra IV e X casa) e si comportano in modo molto infantile. Così vediamo i cosiddetti “superuomini” e “superdonne” sicuri di sé, comportarsi in privato come dei bambini. Mancano di veri sentimenti, di emozioni, di comunicazione e di affettuose intimità. L’iper-attività deve essere bilanciata da periodi di rilassamento. L’infarto è la malattia tipica dell’ammonimento divino che è giunto il tempo di vivere in equilibrio.

 

4° RAGGIO – SENTIERO DELL’ARTE DI VIVERE

Toro, Scorpione, Sagittario – Mercurio e Luna

 

Se il 2° Raggio governa l’umanità e l’evoluzione a livello di anima, il 4° la governa a livello di personalità. L’umanità è l’anello di congiungimento tra i tre regni dello spirito ed i tre della materia e quindi è proprio compito dell’umanità procedere gradualmente alla fusione di questi regni. Questo collegamento o “ponte arcobaleno” trova il suo agente in Mercurio. L’intuizione della mente superiore o voce dell’anima e la mente inferiore o voce della personalità entrano così più facilmente in contatto.
La vera bellezza e armonia deve sempre essere conquistata, perché ciascun piano raggiunto diventa poi relativo, e la “scontentezza divina” richiede la conquista di un livello superiore. Ma ciò presuppone un’esperienza diretta fatta di lotta e conflitto, perdita e sofferenza e si sperimenta nella dualità e nella successiva e maggiore integrazione della sinergia che ne deriva. Infatti con questo Raggio si sperimentano esperienze intense sia spirituali che materiali collegate ad un’attività creativa.
E’ importante che tutte le attività creative e artistiche partano da una prospettiva interiore che dia un tono di sacralità, cioè che sia frutto del grande intuito della mente creativa in tutte le sue espressioni (pittura, scultura, danza, canto). Questa potente creatività nasce dalla voce del Sé superiore che guida e ammanta di sacralità. Le persone quindi dovranno mostrare amore dinamico, bellezza e armonia sia nella loro arte che nella loro vita.

 

5° RAGGIO – SENTIERO DELLA SCIENZA E CONOSCENZA

Leone, Sagittario, Acquario - Venere

 

Se il 2° Raggio dell’Amore-saggezza si esprime attraverso il 4° Raggio nei conflitti del quotidiano, il 5° Raggio si esprime attraverso l’intelletto. Qui la conoscenza deve esprimere la Saggezza. Qui noi vediamo come si evolve l’umanità nella Nuova Era.
La conoscenza di questo Raggio è da acquisire tramite un’esplorazione diretta, concreta, pratica, logica. Nella Nuova Era la mente vuole sperimentare, esplorare direttamente.
La dimensione più elevata di questo Raggio risponde alla logica superiore, ovvero alla conoscenza interiore. La vera conoscenza deve integrare pensiero e sentimento, ed è stata proprio la sua assenza a determinare gli abusi (vedi la bomba atomica). Einstein può, a buona ragione, rappresentare la personificazione vivente della tipologia venusiana di 5° Raggio, in quanto nella sua attività ha unito l’amore consapevole e la ragione pura interiore e non inferiore.
Tra gli scienziati o ricercatori della verità troviamo anche gli astrologi e gli psicologi, intesi come scienziati dello spirito, e poi gli scienziati della materia. Spesso vi sono eccessi: essi ritengono che le “loro” scoperte siano quelle vere, mostrando così arroganza mentale, e questo avviene sia per le persone ad orientamento spirituale, portate a negare la mente razionale, sia per i materialisti che credono solo nella logica pura. Gli scienziati materialisti sostengono che cervello e mente siano la stessa cosa, ma come può una parte del corpo fisico essere equiparato al pensiero che invece non è fisico? Il cervello è solo il computer fisico della mente.
La scienza della mente è direttamente posta in relazione alla scienza della coscienza o dell’anima e la riconferma è che Venere, come Sé superiore della Terra, è l’unico pianeta in cui si canalizza il 5° Raggio.
Noi tutti possiamo sentirci scienziati – della vita – quando utilizziamo la mente logica sia per entrare nella materia sia per accedere alla mente superiore dell’universo, per capirne i meccanismi e porli al servizio dell’umanità e non per scopi egoistici. I veri scienziati della vita sono persone affettuose che non hanno paura dei sentimenti. Sanno elaborare le conoscenze interiori o incorporare l’intuito in una mente razionale forte e ben armonizzata.
Essendo il segno dell’Acquario associato a questo Raggio, sarà proprio lo scienziato a rivelare le verità esoteriche dei nostri tempi.

 

6° RAGGIO – SENTIERO DELL’IDEALISMO DEVOZIONALE

Vergine, Pesci, Sagittario – Nettuno e Marte

 

Questo Raggio ha rappresentato la guida della passata età dei Pesci, poiché ha governato le religioni richiedendo fede e basta (ma l’umanità non era ancora evoluta). Questo Raggio è governato dal Maestro Gesù che nella sua vita terrena ne ha incorporato le più alte qualità. Oltre a quanto già detto a questo proposito, si può aggiungere che Gesù tornerà fisicamente nella Nuova Era per riunificare tutte le religioni e fondare una nuova religione globale.
Questo Raggio ha iniziato a ritirare o declinare la propria energia, in quanto l’aspetto religioso verrà potenziato su basi diverse nella Nuova Era, attraverso il 7° Raggio e non più su basi fideistiche ma sulla conoscenza.
Purtroppo, il risultato di questa diminuzione di energia di 6° Raggio è sotto i nostri occhi: le religioni sono diventate un pretesto di scontro e in realtà sono fonte di divisione, di fanatismo, di conflitto. Mancano di umanità e sono emotivamente attaccate alle loro credenze superate e ai loro ideali, che difendono con forza arrivando perfino a morire per questo (pensiamo al fondamentalismo islamico, al conflitto tra protestanti e cattolici in Irlanda; parallelamente pensiamo anche alla pericolosità dell’idealismo del mitomane).
Dobbiamo renderci conto che quando noi ci rivolgiamo e ci affidiamo a qualche “guru”, a maestri o figure spirituali, stiamo proiettiamo la nostra individualità interiore, e perdiamo il contatto con il nostro vero Maestro interiore.

 

7° RAGGIO – SENTIERO DELL’ORGANIZZAZIONE E DELLA SINTESI

Ariete, Cancro, Capricorno - Urano

 

Se il 6° Raggio sta riducendo le sue energie, il 7° Raggio le sta potenziando. Siamo solo all’inizio, ma via via che ci inoltreremo nella Nuova Era dell’Acquario le manifestazioni di questo Raggio diverranno sempre più evidenti. La sua azione contribuisce a quello che dovrà diventare il ri-orientamento collettivo.
Questo Raggio sintetizza lo Spirito (1° Raggio) e la materia (3° e 5° Raggio) in un tutto sintetico, naturalmente nell’ambito del 2° Raggio. Edifica ed organizza le forme fisico/eteriche che sono necessarie a sostenere e materializzare il volere e le finalità delle Divinità: tutto ciò per approdare alla finale fusione dello spirito nella materia.
Perché è il sentiero dell’organizzazione? Questo Raggio è particolarmente associato al settimo piano della manifestazione e mostra le qualità spirituali insite nella forma fisica. E’ il riflesso esteriore delle qualità di 1° Raggio della Volontà e del potere dell’Anima che vengono pertanto manifestate in una forma organizzata, e attraverso questo Raggio trasformano ciò che è cristallizzato e non più utile al piano evolutivo.
Riflettiamo per un momento sul modo in cui è strutturato l’universo, sulla natura nei suoi regni ed anche sulla magnificenza del corpo umano: diamo tutto per scontato e non ci rendiamo conto di come tutto sia così perfetto e ordinato. Dal macrocosmo al microcosmo abbiamo gli Angeli o Deva che collaborano alla creazione della forma e gli elementali che la animano e la vitalizzano.
Urano è il pianeta attraverso cui queste energie vengono canalizzate, e le sue caratteristiche le conosciamo bene. Urano è l’ottava superiore di Mercurio, e se quest’ultimo è connesso alla logica razionale Urano è connesso all’intuizione. Il futuro va nella direzione di uno sviluppo dell’intuito anche perché è su questo piano che nascono le idee archetipiche che man mano penetrano nella coscienza collettiva.
Il 7° Raggio porta a cooperare nel gruppo, ma in modo ordinato; a valorizzare le proprie idee, a creare strutture moderne, nuove ritualità, dove ognuno possa avere una funzione evolutiva nell’ambito di una totalità più vasta. Questo Raggio predilige le attività di gruppo con scopi umanitari, indipendenti, ma collegate tra di loro. Possono essere definiti “network of lights” (centri di luce) che con la loro dislocazione in ogni parte del pianeta formeranno il corpo eterico della Nuova Era.

 

TOP


4. L'ASCENDENTE

 

Parliamo ora dell’Ascendente, che risulta sicuramente essere il fattore più rivoluzionario rispetto all’astrologia tradizionale. L’astrologia tradizionale associa infatti il Segno Ascendente con la personalità che è proiettata nel mondo esterno.
L’Ascendente è il punto di inizio di qualsiasi carta del cielo e rappresenta il seme di tutto l’oroscopo. Così come il seme della quercia incorpora il tronco, i rami le foglie della quercia, allo stesso modo il Segno Ascendente incorpora le finalità spirituali, il Piano e le mete dell’individuo, del gruppo, della vita nazionale e così via. Indica come ci siamo risvegliati alla nuova vita poiché è connesso al risveglio spirituale. E’ quando iniziamo a chiederci “chi siamo? perché siamo qui? dove andiamo?” che l’Ascendente si attiva. Cessa l’involuzione nella materia e prende avvio il processo di evoluzione nello spirito.
Il segno che sorge, ovvero il segno Ascendente ed il suo governatore transpersonale, unitamente al suo Raggio, forniscono indicazioni ben precise sullo scopo e sul significato della presente incarnazione. Il segno Ascendente e il Nodo Nord sono i due punti focali del sé superiore e del futuro, mentre la Luna e il Nodo Sud sono i punti focali del sé inferiore e del passato.
Il Sole nell’oroscopo è il mezzo o personalità (sé personale causale) che riceve, trasforma e distribuisce le energie del Segno Ascendente (energie zodiacali) nel suo sistema superiore. Il segno del Sole deve essere sviluppato, in quanto l’individuazione è un continuo processo di maturazione. Il segno del Sole rappresenta chi potenzialmente la persona è, come individuo maturo e integrato. Il Sole infatti rappresenta il principio del qui-ed-ora, tra anima e futuro (Ascendente) e personalità e passato (Luna).
Il segno dell’Ascendente e il segno e la casa del Nodo Nord rappresentano il presente e futuro. I segni e le case della Luna e del Nodo Sud rappresentano il passato. Il segno del Sole e la sua casa rappresentano il livello che si raggiunge nella vita attuale.

 

In altre parole, la vera identità, le finalità superiori e il relativo svelamento sono incorporate:

- nelle energie del Segno Ascendente e nei i suoi Raggi,

- nel suo governatore planetario transpersonale,

- nella casa in cui si trova questo governatore.

 

L’Ascendente è il punto di mediazione tra la 12a e la 1a casa della carta del cielo. La 12a è il regno del superconscio collettivo – del tutto divino, vale a dire della Gerarchia Spirituale e Shamballa, il chakra dell’amore e della volontà del pianeta. L’astrologia associa questa casa con l’isolamento, le prigioni, ma questa è la prigione dell’ego inferiore e non dell’anima, quindi è il luogo della morte e della crocifissione degli ego umani e l’esaltazione delle anime. Qui l’ego deve accettare le proprie limitazioni e utilizzare queste energie per il bene dell’umanità. Ecco perché Plutone e Nettuno (morte e dissolvimento), Giove (Cristo) e Venere (Anima) governano questa casa.
La 1a casa è il luogo in cui noi, dal superconscio collettivo, dalle finalità e dal piano per l’umanità, ci volgiamo verso le finalità e il piano individuale. Le parole proferite da Gesù crocifisso prima di morire “Padre, padre, anche tu mi hai abbandonato” sono archetipi della 12a casa: quando il sé inferiore sta morendo, uno si sente sempre perso e abbandonato. Ma è soltanto dopo la morte che può avvenire la rinascita, e quindi una rinascita della coscienza dell’anima ad un livello sempre più grande.

 

TOP


5. I SEGNI

 

Vorrei ora provare sinteticamente a compiere con voi questo viaggio: il viaggio che deve compiere l’Anima nei dodici segni.
Questo è il viaggio della ricerca del Santo Graal. Della verità, della luce, dell’amore e delle finalità quindi del vero scopo dell’anima nella sua incarnazione.
I segni sono sistemi dinamici e viventi di energia, sono vite Spirituali con proprie volontà e finalità (Monade), propria coscienza e qualità superiori (Anima) e proprie caratteristiche personali (Personalità).

 

ARIETE – governatore esoterico Mercurio

Lo spirito dell’Ariete inizia la prima manifestazione esteriore, l’iniziale manifestazione dello spirito nella materia. Gli archetipi, le idee, le ispirazioni relative alla creazione pionieristica cercano in questo segno la loro espressione. Gli archetipi, secondo Jung, sono il modello e la matrice originaria che sta alla base di tutta la creazione. Questi archetipi rappresentano l’anima di ogni creazione micro o macrocosmica, in quanto l’anima è l’idea perfetta o coscienza pura di questa forma creata. Tutte le forme originano in questi piani archetipici attraverso idee o pensieri divini, e attraverso flussi diretti di energia intelligente acquisiscono sostanza, man mano che vengono riprodotti su ogni piano fino a raggiungere il piano fisico denso quando acquisiscono il corpo fisico. Quindi l’anima di ogni forma si trova su questi piani archetipici. L’anima o il sé superiore di ogni personalità umana è perciò l’idea o archetipo perfetto del sé umano.
Mercurio è il pianeta transpersonale dell’Ariete che si riferisce alla mente. E’ il messaggero degli dei, in quanto la mente è il messaggero dell’anima e di tutte le divinità. Il simbolo di Mercurio è triplice: ha una natura altamente ricettiva e intuitiva in grado di identificarsi e ricevere impulsi dalle divinità; una natura contemplativa in grado di muoversi all’interno dei regni della mente intuitiva e di incorporarne gli impulsi; una natura razionale inferiore in grado di incorporare, discriminare e comunicare gli impulsi ricevuti dalla mente superiore.
Ciò che è richiesto in Ariete è di avere un controllo sulla mente, altrimenti la mente stessa non può sintonizzarsi, ricevere e comunicare la coscienza dell’anima. Una volta afferrata, l’idea deve essere manifestata, grazie all’azione di Marte. Molte idee vengono perse o ritornano alla loro origine perché viene a mancare una volontà sufficiente a manifestarle. D’altra parte ogni azione origina sempre da un’idea. La creazione stessa è nata da un’idea di Dio e le idee che entrano nella nostra mente sono gli archetipi che permettono alla creazione di mettersi in moto.

 

TORO – governatore esoterico Vulcano

In Toro si stabilizza e si consolida ciò che è stato conquistato in Ariete. Le idee nate in Ariete hanno bisogno di un “tempio”, di un corpo in cui dimorare e a questo provvede il Toro. Questo segno edifica e offre la forma fisica atta a ospitare queste idee-seme dell’Ariete. Naturalmente questo tempio deve essere bello, armonioso. Venere, come reggente esterno, fornisce questa armonia nella forma. Molte persone Toro hanno un bel corpo. Non dimentichiamo che il pianeta Vulcano, che governa l’aspetto Anima del segno del Toro, mitologicamente era il “forgiatore”, colui che modellava la forma.
Ma questo potentissimo pianeta di 1° Raggio può anche distruggere poi l’eccessivo attaccamento alla forma stessa, infatti deve essere applicata una discriminazione attenta nell’utilizzo degli averi materiali. Sole, Luna e Venere in Toro possono avere la tendenza agli attaccamenti e Vulcano con la sua forza di 1° Raggio è in grado di spezzarli. E’ necessario dare ai valori un giusto peso, perché ciò che abbiamo, che possediamo materialmente in realtà non ci appartiene, lo possiamo perdere in qualsiasi istante. Bisogna ricordare ci è stato donato per servire il Piano.

 

GEMELLI – governatore esoterico Venere

Gli impulsi archetipici dell’Ariete scendono dal piano emozionale delle aspirazioni e dei desideri del Toro nel corpo eterico dei Gemelli. Il corpo eterico è il corpo sottile di quello fisico grossolano, di tutto ciò che è stato creato. Mette in comunicazione il corpo monadico, anima, mentale e emozionale, con il corpo fisico con i suoi sistemi e ghiandole. Infatti l’asse Gemelli/Sagittario è un asse di comunicazione.
In questo segno iniziamo a distinguere le polarità ed è proprio nel corpo eterico che giacciono le loro basi causali. E’ la nostra mente che controlla il nostro corpo eterico. Ed è proprio la sperimentazione e la ricerca dell’integrazione in un tutto unico ciò che deve essere sperimentato in questo segno (da qui l’indecisione che si nota nei Gemelli). Il 2° Raggio dell’Amore-Saggezza è attivato nei Gemelli e porta le polarità nell’unità.
Venere è il Sé superiore o Anima della Terra. Il pianeta Venere come già visto è l’Anima Gemella della Terra. Essa rappresenta la qualità dell’anima della ragione pura (o dell’intuito incorporato) vale a dire la conoscenza interiore. Mercurio in questo segno governa la mente razionale inferiore e la mente fisico-eterica degli impulsi del sistema nervoso dal cervello al corpo; Venere, con la comunicazione soggettiva, dall’anima alla personalità.
Il sé superiore e la mente superiore sa, conosce, mentre il sé inferiore e la mente crede. L’atto del credere è basato sulla dualità mentale o ragione inferiore, mentre la mente superiore è basata sulla sintesi mentale laddove la mente superiore dell’anima si armonizza e si fonde con la mente inferiore. E’ questa la ragione per cui Venere è definito il pianeta dell’amore consapevole, in quanto la fusone di Venere origina dall’unione della mente superiore-intelligenza con il cuore-amore. L’Ascendente Gemelli interpreta molto bene questa qualità venusiana.

 

CANCRO – governatore esoterico Nettuno

Gli impulsi (Ariete-Toro-Gemelli: le idee, le aspirazione e le visioni) entrano nel corpo fisico in Cancro, il quarto segno. Il 4 è il numero della materia o della manifestazione materiale. Il Cancro è la porta di accesso alla materia, intesa come incarnazione fisica della coscienza, il Capricorno la porta di accesso allo spirito e infatti governa l’iniziazione. Ciò che è stato seminato in Ariete affonda le sue radici in Cancro. Mentre l’Ariete o Ascendente archetipico è coinvolto con l’identità personale e con le proprie ed uniche finalità individuali, il Cancro o Fondo Cielo è riferito all’ancoraggio dell’identità e delle finalità in un luogo stabile, familiare.
Nettuno simboleggia la trasformazione ed in questo segno ciò che deve essere trasformato è il passaggio dalla Luna, il nostro attaccamento al passato, i condizionamenti, i retaggi della famiglia. Qui avviene la trasmutazione delle relazioni di “sangue” con le relazioni di “anima”. La casa e la famiglia diventano concetti spirituali. La propria casa diventa un fattore interiore piuttosto che esteriore (h-OM-e all’interno della cavità del cuore immortale) così che, ovunque sia, la persona possa sentirsi a casa propria. La famiglia diventa “la famiglia dell’anima” e ciascuno può sentirsi come in famiglia (in senso interiore ed esteriore) ovunque si trovi con sé stesso. Gli Ascendenti Cancro possiedono alti ideali astratti e necessitano di scoprire come ancorarli nella forma materiale. Come il Toro, la Vergine e il Capricorno, anche il Cancro, che tramite la Luna è legato alla Madre Terra, deve realizzare lo spirito nella materia.

 

LEONE – Governatore esoterico il Cuore del Sole, esteriore la Corona del Sole

Il Leone ed il numero 5 si rapportano all’individualità e al processo di individualizzazione.
Se i semi dell’Ariete hanno preso corpo in Cancro, il segno che governa la Madre Terra, la coscienza di massa e il sistema di credenze, nel Leone lo scopo archetipico è di uscire dal ventre della Terra e di procedere alla propria individuazione, ad una modalità espressiva creativa di un’unica identità. Il Cuore del Sole rappresenta l’Anima, il proprio Sé interiore, mentre la Corona rappresenta quello esteriore o ego inferiore.
L’ego inferiore agisce come un’entità separata che persegue le ambizioni materiali e soprattutto il bisogno di essere riconosciuto migliore degli altri, ricercando la celebrità. La vera individualità appartiene all’anima e come tale è uno strumento di elargizione di amore incondizionato, e la vera creatività sta proprio nel dono fine a sé stesso. La creatività non è semplicemente un’espressione oggettiva ma riguarda le proprie “qualita” interiori. Donare è la vera creatività e il dono dell’amore e della saggezza è il massimo dono creativo dell’umanità. L’Ascendente Leone governato dal Cuore del Sole interpreta questo tipo di dono interiore ed esteriore. L’amore di per sé è veramente l’atto più creativo possibile. La nascita di un bambino dovrebbe rappresentate questo assunto.
Il Sole è il punto focale della vita dell’individuo. E’ il canale cosciente delle energie spirituali che dal cosmo giungono nel nostro sistema solare. Pertanto, nell’oroscopo, il Sole e il governatore della 5a casa sono i canali attraverso cui il Segno Ascendente, per ciò che attiene le finalità dell’anima, manifesta le sue energie. Quindi, nell’oroscopo il Sole ci informa su quale canale della personalità (il Sole è la nostra personalità) il sé superiore cerca la sua manifestazione. La casa in cui si trova il Sole ci informa in quale sfera questa manifestazione deve avvenire.

 

VERGINE – governatore esoterico Luna che canalizza Vulcano

In questo segno l’anima e la personalità cercano di integrarsi. Il numero 6 corrisponde all’integrazione del Sé superiore e del sé inferiore, in cui la natura triuna dell’anima (luce, amore e finalità) e la natura triuna della personalità (corpo, emozioni e mente) devono collegarsi e manifestarsi nella vita di ogni giorno. La madre è il simbolo della materia o della forma fisica e il bambino è il simbolo della coscienza o dell’anima. Maria è stata così il canale della nascita di Cristo, e nella tradizione esoterica si conferma che dovette sottoporsi ad una purificazione e preparazione prima di essere in grado di portare alla nascita Gesù, il Cristo bambino. E’ il segno della prima iniziazione, il primo passo nel ritorno verso casa. Il ciclo di nove mesi della nascita sia fisica che spirituale, dal concepimento (Ariete) alla nascita (Capricorno) ha come momento di crisi proprio il sesto mese, la Vergine, in quanto punto di integrazione tre la coscienza dell’Anima che si sta incarnando e la coscienza della madre.
Il corpo fisico è il principale veicolo di questa iniziazione, ecco perché il corpo deve purificarsi adottando uno stile di vita sano, sia con una appropriata alimentazione che mediante esercizio fisico (Yoga, Tai Chi, ecc.); un atteggiamento quotidiano costante in cui l’ego (la Luna) soggiace alla volontà o finalità dell’Anima (Vulcano). Mercurio rappresenta in Vergine la mente concreta inferiore, il cervello e il sistema nervoso, e la mente logica deve comunicare la volontà, l’amore e la luce del proprio Sé in modo pratico, quotidiano. L’esecuzione di qualsiasi attività, pur piccola che sia, diventa un’attività divina, e deve essere sacralizzata in quanto in questo segno la coscienza di Cristo e dell’Anima si deve manifestare in ogni aspetto della vita quotidiana. Anche perché il valore e l’attitudine che noi assegniamo alle cose piccole saranno identici a quelli che assegneremo a quelle più grandi.

 

BILANCIA – governatore esoterico Urano

La Bilancia è il segno dell’equilibrio posto tra due segni conflittuali quali la Vergine e lo Scorpione. Portare lo spirito/coscienza superiore nella materia (Vergine) e trasformare e riportare la materia nello spirito (Scorpione) sono lavori che richiedono sforzo, conflittualità e dolore. Il 4° Raggio ha la reggenza su questi sue segni (Bellezza e Armonia tramite Conflitto). Urano agisce con il 7° Raggio dell’ordine cerimoniale, della ritualità e della sintesi.
Le unioni di tipo tradizionale hanno perso di valore, i divorzi si moltiplicano. La sperimentazione di nuove forme di relazione deve essere introdotta e diventare consuetudine tra le nuove generazioni comportando un maggior senso di libertà. Le energie uraniane ispirano libertà di scelta e un cambiamento dalle consuetudini tradizionali anche di tipo religioso.
Dalla prospettiva dell’Anima lo scopo finale delle relazioni è di unirsi, unire le singole energie e collaborare insieme per servire il piano divino ed il suo significato più profondo. Questo può essere definito il “matrimonio sacro”, e ciò comporta per i segni Ariete-Bilancia non solo la sacralità dell’unione di due individui ma anche l’unione dei due opposti. Il sé inferiore e il sé superiore cercano l’unione nell’individuo e nelle associazioni. Le relazioni, quindi, intensificano il processo di individuazione in quanto sono uno spazio in cui due individui condividono le risorse spirituali e materiali per il bene loro e per il bene del tutto più grande; rappresentano l’impegno di due individui a servire la volontà delle loro anime e il piano divino. Le relazioni sono un campo di battaglia in quanto in esse semplicemente vengono combinate le energie di due individui e le due polarità cercano un punto di equilibrio attraverso un confronto dinamico. Il Sole in Bilancia è più sintonizzato con Venere e con i suoi significati tradizionali ed è molto spesso più legato alla materialità, mentre l’Ascendente Bilancia, rende le persone sul sentiero più intuitive e rivoluzionarie nel modo di pensare e nelle loro attività.

 

SCORPIONE – governatore esoterico Plutone

Corrisponde ad un ciclo di riorientamento e di mutazione intensiva (cambiamento mentale e della forma emozionale e fisico-eterica) in cui le forze del sé inferiore devono scendere nell’oltretomba per risalire trasformate.
Se la Vergine governa la prima iniziazione, lo Scorpione governa la seconda in cui la natura emotiva e sessuale (chakra del plesso solare e centri sacrali) viene trasformata ed elevata al chakra dell’anima (cuore e gola). Ciò comporta un duplice processo perché le energie dell’Anima scendono in questi due centri inferiori con lo scopo di stimolare l’esperienza del sé inferiore in modo intenso; qui la volontà di sperimentare il mondo dei desideri è al suo massimo. Se nel Toro si sperimenta il mondo dei desideri come fine a sé stesso, in Scorpione il fine (anche se inconsapevole) è quello di trasmutare la materia in coscienza superiore. Come nel Toro, il rischio è l’attaccamento materiale, ma in Scorpione (coscientemente o no) la tendenza è poi la distruzione della materia, e ciò può avvenire soltanto attraverso le esperienze stesse, anche perché non si può trasformare ciò che non è stato sperimentato. Lo Scorpione è l’unico segno ad essere governato da due pianeti non-sacri, Plutone e Marte, e sebbene sia un segno d’acqua (le emozioni e i desideri) è il fuoco il mezzo con cui si esprime – tutto brucia in questo campo di battaglia.
Nel campo di battaglia bisogna essere armati per poter entrare nel mondo degli inferi (il proprio sé inferiore) abitato da mostri (la nostra natura inferiore). Come nella mitologia gli eroi vengono armati dagli dei con la spada (volontà, 1° Raggio), uno scudo (amore-saggezza, 2° Raggio) e un elmetto (conoscenza, 3° Raggio). Nelle varie lotte che seguono l’armatura spesso è persa e i tre amici che accompagnano l’eroe vengono uccisi (essi simboleggiano la sicurezza materiale, i desideri emotivi e la mente razionale o volontà personale, i tre aspetti della personalità). Le dodici fatiche di Ercole di Alice Bailey sono molto significative a questo proposito.
Plutone (la dea Kali) è connesso al fuoco Kundalini, una forza nascosta ed inconscia. Kundalini è lo spirito nella materia è questo spirito viene attivato e risvegliato dalla discesa della luce di Vulcano e Urano nella materia. Il fuoco Kundalini risale nella spina dorsale portando alla nostra coscienza i nostri schemi mentali, sessuali e fisici cristallizzati, che essendo inconsci hanno costituito i nostri blocchi. In ogni iniziazione vi è una rilascio di questa forza Kundalini. Ma ciò avviene gradualmente perché è soltanto nella terza iniziazione che questo fuoco può giungere al chakra coronale, e non deve avvenire in Scorpione ma in Capricorno.
Plutone e Marte governano lo Scorpione, i Pesci (con Plutone) e l’Ariete, pertanto questi tre segni sono coinvolti nel processo di morte-rinascita. I primi due forniscono le armi della determinazione, del coraggio e dell’idealismo appassionato, mentre il segno dei Pesci è armato con il potere dell’amore incondizionato e dell’idealismo sacrificale. Sotto lo Scorpione ricadono tutte le forme di auto-consapevolezza e auto-trasformazione come la psicologia, l’astrologia e le tecniche correlate a questo processo.

 

SAGITTARIO – Governatore esoterico Terra

Dopo la discesa nel mondo delle tenebre, vi è la risalita alla luce. La seconda iniziazione qui viene estesa in senso “verticale” ponendosi in relazione con il sé superiore, e abbraccia un orizzonte più grande, in senso collettivo. Qui abbiamo la mente superiore composta da due parti: il Manas superiore (la mente contemplativa astratta) e la mente intuitiva o “la mente che tutto sa” (Buddhi). E qui inizia l’identificazione della propria coscienza con questo duplice aspetto della mente. In Gemelli troviamo la mente razionale superiore con Venere e quella inferiore con Mercurio, in Sagittario troviamo la mente astratta e intuitiva superiore (Giove).
Questo viaggio, analogamente nel nono segno, è definito il “ponte arcobaleno” in quanto collega il cervello e la mente inferiore (Mercurio), la mente logica superiore (Venere) con la mente astratta superiore (Giove) e la mente intuitiva del sé superiore.
La Terra è il governatore superiore e qui il significato del segno diventa complesso perché vi agiscono cinque Raggi, pertanto il lavoro di integrazione è arduo. Insieme a Toro e Scorpione appartiene al 4° Raggio del sentiero della bellezza e armonia tramite conflitto. Tutto ciò che è materiale (cibo, desiderio, sesso) è correlato alla Terra e in questo segno ha il compito di risolvere il dilemma della sessualità nel senso di uso indiscriminato. La Terra è il centro della milza del nostro sistema solare pertanto deve essere purificata per permettere all’energia vitale del Sole di penetrare nel corpo fisico attraverso il corpo eterico. Se questo centro è bloccato anche negli altri centri l’energia non fluisce correttamente e viene dispersa.
Il 3° Raggio con la sua intelligenza creativa ha lo scopo di purificare e illuminare la Terra e questo è particolarmente indicato per chi ha Ascendente Sagittario. La luce è qualità essenziale, è l’energia essenziale della mente superiore o intelligenza creativa che attraverso il 3° e 2° Raggio deve essere distribuita attraverso i network nel corpo fisico eterico, e nella mente e nel cuore di tutta l’umanità (i cosiddetti Network of Light, centri di luce).

 

CAPRICORNO – governatore esoterico Saturno

Il Capricorno è la porta di accesso allo spirito. E’ il decimo segno, e questo numero significa completamento del processo di individuazione, vale a dire unificazione della dualità in una unità superiore. Il Capricorno e il MC dello Zodiaco è il punto più alto, la vetta della montagna, il punto più vicino al grande spazio, simbolo dello Spirito o dell’Anima. Nell’oroscopo personale il MC indica:
- le più alte ambizioni intese come aspirazioni o realizzazioni che la persona vorrebbe raggiungere nella sua incarnazione;
- la porta di accesso all’iniziazione, attraverso cui bisogna passare per conseguire le proprie finalità spirituali (che sono indicate dal Segno Ascendente), anche Saturno attraverso la sua posizione si riferisce a questa conquista;
- l’occupazione principale, la carriera che deve essere intrapresa per oggettivare e realizzare le proprie finalità.
Il seme mentale dell’Ariete in Capricorno raggiunge il suo più alto livello di fioritura spirituale. La gestazione di una nascita reale o spirituale si compie in nove mesi e la nascita avviene al decimo mese in Capricorno.
In Capricorno, il segno zodiacale posto più in alto, il Sole paradossalmente raggiunge il suo zenith e non il suo nadir. E’ solo nel momento più buio che nasciamo nello spirito. L’estate è momento più gioioso per le manifestazioni esteriori. In inverno siamo più chiusi e l’energia oggettiva materiale, vale a dire la personalità, è al suo minimo; mentre l’energia spirituale, vale a dire l’anima, è al suo massimo livello. Ogni esperienza importante di “luce” è sempre preceduta dal buio più profondo. Il buio o la morte precede sempre la luce o la rinascita.
Nel momento in cui raggiunge il picco della montagna si inizia il nuovo viaggio di ritorno (nelle valli del mondo) per condividere, insegnare e offrire la saggezza acquisita all’umanità. In Capricorno ha luogo la terza iniziazione conseguita da chi consciamente o inconsciamente ha infuso i tre corpi della personalità con i tre aspetti dell’anima, e che pertanto si trova al centro della stella a cinque punte dell’integrazione anima-personalità ed ha integrato la mente inferiore e la mente superiore e hanno unito il chakra del cuore e della testa.
Saturno, il signore del karma, il guardiano della soglia, è il reggente sia esoterico che tradizionale del Capricorno, e la sua posizione nell’oroscopo indica attraverso quale porta dobbiamo passare per raggiungere le nostre finalità spirituali.

 

I DUE SEGNI CHE SEGUONO IL CAPRICORNO SONO I SEGNI TRANSPERSONALI

 

ACQUARIO – governatore esoterico Giove

Dopo che in Capricorno è stato conseguita la meta personale, in Acquario la personalità viene trascesa e le energie vengono focalizzate esclusivamente nel gruppo.
L’Acquario e il Leone, Urano e il Sole sono archetipi dell’individuazione ed è così che in questo segno la persona ormai “individualizzata” deve lavorare nel gruppo ed imparare a de-personalizzarsi per il bene del gruppo. Il nuovo gruppo non contempla guru o leader ma concorrono tutti ad assumersi uguali responsabilità nelle decisioni comuni. Ovunque nascono piccoli gruppi, decentrati, il cui scopo principale è di servire ed aiutare a servire altre individui, quindi indirettamente il piano divino. Il gruppo si sostiene mentre cerca di evolvere e di maturare tenendo presente che essi sono dei “network di luce” collegati come in una rete in tutto il pianeta.
Giove è il governatore transpersonale. Questo perché il nostro sistema solare canalizza il 2° Raggio (in altre parole amore-intuito-saggezza è la natura essenziale dell’anima); Giove e il Cuore del Sole, reggenti dell’Acquario e del Leone, sono anche pianeti di 2° raggio. Se il Raggio dell’anima o della coscienza di Cristo ha la reggenza su questi governatori dell’anima, ebbene la prossima futura evoluzione dell’umanità avrà la garanzia del potere dell’amore-saggezza di cui la coscienza di gruppo e il servizio formano la base. Questo spiega perché le parole chiave di amore (Giove) e luce (Urano) sono il leit-motif della Nuova Era, poiché la mente e il cuore si fondono in Acquario. Giove in Acquario o in 11a o 12a casa è nella posizione migliore in quanto le sue energie basate sull’anima possono operare più spontaneamente.
Urano, dalla sua scoperta, ha operato tali cambiamenti da renderne difficile un censimento, ha contribuito ad accelerare l’umanità su vasta scala attraverso la stimolazione, l’illuminazione e il risveglio della mente, la facoltà di pensiero dell’umanità. L’energia di Urano attiva le facoltà intuitive superiori. L’intuito è una facoltà affascinante che non viene neppure considerata nei corsi di studi tradizionali. E’ la mente dell’Anima, e l’anima è la porta di accesso al tutto più grande. Mediante il “flash” l’intuito ci consente di entrare nella mente di Dio, poiché questi flash, ovvero queste visioni divine o ispirazioni, incorporano un bagaglio enorme di informazioni. Le intuizioni di Urano, rispetto a quelle di Nettuno, sono mentalmente polarizzate e giungono come risposta alle nostre più profonde riflessioni sull’aspetto dello spirito. Questi pensieri penetrano nel regno delle anime e l’anima risponde con un flash attraverso l’intuito.

 

PESCI – Governatore esoterico Plutone e Nettuno

Il numero 12 è il numero del completamento del nostro sistema universale.
Il modo migliore di comprendere l’anima dei Pesci è quella di riflettere sulla vita di Gesù, il grande archetipo umano di questo segno. Egli si è incarnato con lo scopo di servire e salvare l’umanità. Si ritirò per essere addestrato ad iniziare il suo Grande Lavoro e ritornò nel mondo degli uomini per porgere amore e saggezza incondizionato e senza curarsi di sé stesso. Il grande insegnamento è stata la sua dimostrazione che l’anima è immortale. Ha insegnato con la resurrezione che non la forma (Gesù) ma l’anima (Cristo) è la vera realtà. La forma è illusione, è “Maya”. Egli insegnò ad integrare l’amore incondizionato e il perdono (2° Raggio), l’idealismo spirituale e la devozione (6° Raggio) e la volontà e potere spirituale (1° Raggio) per distruggere le forme, le credenze e sistemi cristallizzati che impediscono l’evoluzione.
Cristo è un iniziato di settimo grado e questa iniziazione corrisponde alla prima iniziazione cosmica; è a capo della Gerarchia Spirituale della Terra. Gesù è il principale discepolo di Cristo ed è Signore del 6° Raggio. Anche Buddha è un iniziato di settimo grado. Buddha e Gesù hanno iniziato il “loro lavoro” all’età di 29-30 anni, vale a dire al ritorno di Saturno su sé stesso, momento in cui a ciascuno è offerta la possibilità di portare avanti il vero lavoro della propria vita. Cristo ritornerà presto sulla Terra, in questa Era, e ciò comporterà una straordinaria influenza sull’evoluzione planetaria.
Plutone è connesso al processo di morte-rinascita: si muore in un livello, si rinasce su un’altra dimensione. Questa dinamica la troviamo ogni giorno in molti aspetti della nostra vita, non ultimo quello psicologico. Anche quando ci addormentiamo moriamo ad uno stato di coscienza, viviamo nel sonno in un’altra dimensione dove integriamo le nostre esperienze, e quando ci svegliamo, ci risvegliamo ad una nuova coscienza.
La crocifissione corrisponde alla quarta iniziazione (Gesù).
In Pesci nulla ha a che fare con la forma: Plutone la brucia, la distrugge e la trasforma, Nettuno la dissolve e la trasmuta. Può sembrare difficile pensare a Plutone in Pesci, ma se consideriamo che i Pesci sono l’ultimo segno dello zodiaco ciò ha anche un senso. Plutone continua in Pesci il lavoro che ha iniziato in Scorpione, in quanto entrambi i segni si riferiscono alla discesa dell’anima nella materia e alla trasmutazione della materia nello spirito.

 

TORNA AD ARTICOLI

HOME